Vieni per pranzo

Ho chiamato Ilaria e le ho detto: vieni per pranzo. Volentieri. Dopo l’una e mezza, mi ha detto. Ho aperto alcuni dei libri dello scafale della cucina ed ho scelto due ricette. Fuori fa già caldo e non so se la vellutata di piselli al bacon sia già troppo. Mentre rifletto a questo scivolo indietro di qualche mese fa quando Ilaria mi aveva portata fuori a pranzo. Mentre guarda il menù, ammiro in silenzio il suo audace taglio pixie ossigenato ed il maglione bianco in mohair che sotolinea la perfezione delle sue spalle scolpite.

cucino_per_te_ilaria.jpg

Faccio la vellutata di piselli spezzati e la torta con la trota affumicata, crescione e crème fraîche. È deciso.

cucino_per_te_piselli_spezzati.jpg

IMG_0488.JPG

Ricevo con piacere i complimenti di Ilaria ed aggiungo: questo è il mio modo di ringraziarti per essermi stata vicina. La sera prima al letto pensavo dove andare a prendere il crescione. Dove? L’indomani mi vedo rinviata dalla Piazza della Frutta alla Piazza delle Erbe e da un banco al altro senza successo. L’ultima spiaggia è Emilio. Emilio, detto (da me) anche “il gioielliere”, non sarà credo né la prima né l’ultima volta che ritornerà nei miei racconti. Ho sostituito il crescione con la sua cugina più stretta, la rucola e la trota affumicata con la trota non affumicata e… c’était délicieux!

cucinoperte_torta.jpg

Annunci

2 pensieri riguardo “Vieni per pranzo”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...